L’Arte senza freni di Piero Manzoni

L’Arte senza freni di Piero Manzoni

Merde d'Artiste
Piero Manzoni – Merde d’Artiste – 1961

Qualcuno disse: “l’Arte è morta”, lo disse quando fu presentato “L’Orinatoio” di Duchamp, quando Fontana tagliò le sue tele, quando furono appesi alle pareti i primi monocromi bianchi, ma l’arte era più viva che mai, sicuramente qualcuno lo disse quando fu esposta per la prima volta la “Merde d’Artiste”. Ma come si è arrivato a questo?

Piero Manzoni (1933-1963), da sempre in prima linea nella ricerca artistica contemporanea degli anni ’50 e ’60 fu senz’altro uno dei più creativi, fantasiosi, bizzarri artisti del ‘900. Inizialmente dipinge impronte di oggetti, poi passa ai monocromi bianchi, ai contenitori di linee, al piedistallo del mondo, fino alla sua firma che di per sè già basta per fare di un oggetto qualsiasi, un’opera d’arte certificata, dimostrando ancora una volta che gli artisti precorrono i tempi e che decenni prima immaginano quello che sembra impossibile ma che poi diverrà realtà (pensate alla griffe nella moda ).

manzoniiii
Piero Manzoni – Performance, mentre firma una modella ———— Linea di lunghezza infinita – 1960

Manzoni va oltre l’evoluzione Dada per cui l’artista ha il potere di scegliere gli oggetti anche di uso comune e proclamarli opere d’arte, Manzoni lo fa con le persone: inizia a firmare modelle e le proclama opere d’arte certificate. Promotore di un’Arte stupefacente guizzante intelligente, priva di qualsiasi freno intellettuale Manzoni non si limita, così non è più l’artista che crea oggetti ma li individua intorno a lui e li rivela, lo stesso avviene con le persone, ma va ancora oltre: l’artista in quanto tale ha in sé l’Arte, quindi tutto di lui è Arte….anche gli escrementi.

Si arriva così alla “Merde d’Artiste” , prodotta , inscatolata, pesata, etichettata, certificata, firmata, venduta a peso d’oro e comprata! Allora qualcuno disse: “L’Arte è morta” e lo diranno ancora, fino a quando non sarà chiaro che l’Arte si rinnova, va oltre e non può morire.

10408628_848870158528827_965251850392443577_n
Piero Manzoni – Il Piedistallo Del Mondo –

 

 

Precedente Hirotoshi Ito - le pietre che sorridono Successivo Agostino Bonalumi - Arancione - 1968