Jenny Saville – Autobiografia del corpo

Jenny Saville – Autobiografia del corpo

12741930_1007268489340365_779952261515029849_n
Jenny Saville

 

Jenny Saville è una pittrice inglese classe 1970, nasce a Cambridge e si inserisce nella sua crescita artistica in quel gruppo di artisti britannici dai diversi stili e forme di comunicazione che molta fortuna ha avuto sulla ribalta mondiale, Young British Artists (YBA), insieme a Damien Hirst, Sarah Lucas, Tracy Emin.

Artista ormai affermata, vanta una partecipazione alla 50° Biennale di Venezia nel 2003 e esposizioni in tutto il mondo.

 

12742410_1007268436007037_7115818028651256916_n
Jenny Saville

 

Jenny Saville dipinge e a differenza della maggior parte degli YBA, lo fa bene.

Si può individuare il suo tema base nell’autoritratto, in una concezione autobiografica di partenza da cui poi si divincola in interpretazioni e soggetti che esulano da questo contesto.

 

1545636_1007268346007046_9076467576228406660_n
Jenny Saville

 

E’ evidente l’ispirazione a Lucian Freud, nella grossa pennellata che scolpisce i volumi, nella evidente ricerca del corpo umano e delle sue visioni più nascoste e turbanti, nell’indagine della carne attraverso la quale non si sottrae al raffigurare la parte più abominevole dell’essere e del suo involucro-proiezione psichica.

 

Jenny-Saville
Jenny Saville

 

jennysaville_42
Jenny Saville

 

Nelle sue opere c’è anche un chiaro riferimento a Francis Bacon (1909-1992), nella ricercata esposizione segnica del disfacimento delle forme, della rottura del disegno delle anatomie soprattutto dei visi, svuotati, distorti, dagli incarnati lividi o arrossati, piagati, tumefatti.

 

12747450_1007268159
Jenny Saville

 

Come Freud, nonostante i soggetti a volte al limite del macabro, riesce ad incantare per la grande qualità della sua pittura, tridimensionale, dagli accostamenti cromatici taglienti, la pennellata sanguigna e il grande, immenso formato.

 

12743541_1007268252673722_709872584947775664_n
Jenny Saville

 

Nel 2015 Jenny Saville collabora con il fotografo di moda Glen Luchford al progetto “Closed Contact”, una serie di foto che la vedono tornare al suo esordio quale protagonista delle opere, in quanto è lei che si fa immortalare in pose le più ricercate e contorte.

 

jenny-saville-e-glen-luchford
Jenny Saville e Glen Luchford – Closed Contact

 

jenny-saville-e-glen-luchford
Jenny Saville e Glen Luchford – Closed Contact

 

Spiaccicate su lastre di vetro, le sue forme smettono di essere usuali e assumono l’aspetto di una umanità distorta, aggressiva o meglio aggredita dal suo interno, sensualmente autodistruttiva. Liberato dalla massa di carne tipica dei suoi dipinti, il suo corpo già molte volte protagonista in autoritratti, si fa conoscere in una nuova versione dove possiamo intravedere una insospettabile assonanza con i disegni del celebre austriaco Egon Schiele, nella distorsione delle carni, nel rattrappirsi delle articolazioni, nell’espressione di quella pulsione emotiva in cui avvertiamo il sacro fuoco che anima tutto ciò che è Arte.

 

jenny-saville-e-glen-luchford
Jenny Saville e Glen Luchford – Closed Contact
Precedente Andrey Zignatto - Rudimenti di edilizia metafisica Successivo Jason Briggs – La scultura splatter