Beuys, il venditore di sogni

Beuys, il venditore di sogni

0048-4Dgr

Joseph Beuys

Joseph Beuys, tedesco scomparso nel 1986, fa parte di quella schiera di artisti attivi soprattutto negli anni ’60 che si distinguono per una caratteristica essenziale predominante, una personalità gigantesca e trascinante che li accompagna durante il loro percorso e gli permette di imporre al pubblico il loro stile innovativo, sorprendente, fuori dagli schemi conosciuti dell’Arte.
Come Manzoni o Fontana, l’esperienza artistica di Beuys parte da un’Arte dove il contenuto concettuale è il soggetto dell’opera per arrivare ad esplorare oltre i confini del pensabile, del conosciuto.

Joseph Beuys, Infiltrazione omogenea per pianoforte a coda (1966),

Joseph Beuys – Infiltrazione omogenea per pianoforte a coda – 1966

Gli anni ’60, il boom economico, l’avvento delle novità provenienti da oltre oceano, una crescita esponenziale culturale ed economica in Europa che non ha paragoni per il suo grado di densità in così poco tempo. All’interno di questo contesto si collocano Beuys ed altri artisti “sciamani” che ricchi di esperienze ed umanità hanno accompagnato l’ascesa culturale e sociale Europea creando, superando i limiti, dimostrando che tutto si poteva fare e quasi tutto in effetti è stato fatto nell’Arte fino ad arrivata al punto dove il sublime ed il ridicolo si toccano.

Joseph Beuys, “Kunst=Kapital” (1982).

Joseph Beuys – Kunst=Kapital – 1982

Della personalità sconvolgente di Beuys rimane poco, aviatore durante la Seconda Guerra Mondiale, viene abbattuto in Crimea e gravemente ferito. Fu poi fatto prigioniero dagli Inglesi fino alla fine del conflitto. Nel 1961 ottiene la cattedra di scultura monumentale alla Kunstakademie di Düsseldorf.

arts-graphics-2005_1158438a

Joseph Beuys durante una lezione

Parlare dei suoi lavori senza di lui è difficile, tanto è il contributo personale che dava nel renderli interessanti. Come un re Mida trasformava in oro le sue installazioni, le sue lezioni, le sue performance.

Le opere rimaste descrivono marginalmente l’evoluzione del pensiero di Beuys perchè purtroppo restano solo foto in bianco e nero delle installazioni e delle performance, mezzo espressivo di cui si servì spesso e che contribuì a diffondere per primo.

0947329363_Big

Joseph Beuys – I Like America and America Likes Me, performance – 1974

Img10

Joseph Beuys – I Like America and America Likes Me, performance – 1974

 

Joseph Beuys, “I Like America and America Likes Me” (Performance, 1974)

Joseph Beuys – I Like America and America Likes Me, performance – 1974

Delle lezioni metafisiche, quando veniva idolatrato al punto che perfino le lavagne dove scriveva divenivano pezzi da collezione, pochi addetti ai lavori ne hanno ricordo e sui libri di storia dell’Arte è spesso citato velocemente. Sei lavagne furono acquistate dal Comune di Perugia nel 1980. Oggi i pannelli costituiscono opera permanente in esposizione a Palazzo della Penna, adattato a sede museale.

articolo80

Joseph Beuys – lavagna scolastica

Fu lui ad esporre per primo cavalli vivi, non imbalsamati come ha fatto Cattelan o Hirst, introdusse l’uso di materiale biodegradabile come il grasso con il quale realizzò molte opere ma di cui è rimasto poco. Si interessò ad un’Arte ecologica, che coinvolgesse le piante, la natura, partecipò nel 1982 all’evento internazionale “dOCUMENTA” a Kassel in Germania con l’iniziativa “7000 querce“, 7000 pietre di basalto acquistabili al costo di una quercia, nel 1987, tutte le pietre erano già vendute ed il suo bosco stava crescendo.

Fu il primo a comporre mosaici di oggetti, alcuni personali, raccolti in teche, scatole, composizioni che hanno influenzato generazioni di artisti per decenni.

Joseph-Beuys-Titus-Iphigeni

Joseph Beuys – Titus Iphigenia, performance- 1969

Joseph Beuys, "Wirtschaftswerte" (Economic Values", 1980

Joseph Beuys – Wirtschaftswerte (Economic Values) installazione – 1980

The End of the Twentieth Century 1983-5 by Joseph Beuys 1921-1986

Joseph Beuys – The End of the Twentieth Century 1985

Qual è la tematica delle opere di Beuys? Perché il suo seguito impressionante è sproporzionato confrontato a ciò che ha lasciato?
I temi trattati da Beuys sono legati all’uomo in quanto essere facente parte di un organismo chiamato terra. Se inizialmente riversava nei suoi lavori esperienze personali autobiografiche, progressivamente lasciava filtrare il vero materiale di interesse comunicativo: la metafisica, l’ecologia, la centralità della fusione umana con le forze universali, l’ampliamento delle facoltà sensoriali dell’uomo, l’Arte come strumento di trasmissione dell’energia vitale in un sistema non conformista. Si spinse oltre formulando teorie economiche globali e dette il suo appoggio alla formazione del movimento dei Verdi in Germania.

Joseph Beuys, Stuhl mit Fett (1964)

Joseph Beuys – Stuhl mit Fett – 1964

the pack 1969

Joseph Beuys – The Pack – 1969

Concetti ampi di cui resta ben poco, forse è più giusto dire che Beuys vendeva sogni e ha fatto sognare la sua generazione, sull’onda di questi sogni e di questa energia che dalla sua Arte e quella di altri sognatori come lui si sprigionava, la società è cresciuta avendo appreso la voglia di rigenerarsi e di costruire ciò che è nuovo, di andare ad esplorare anche la sfera dell’impossibile, ribattezzandolo solo col nome di “ancora non sperimentato”.

Joseph-beuys-perugia

Joseph Beuys – a Perugia

4 thoughts on “Beuys, il venditore di sogni

  1. Lieben Dank für Ihren klasse Artikel.

    Ich bin schon seit Längerem ein ruhiger Leser.
    Und heute musste mich mal zu Wort melden und “Danke” sagen.

    Machen Sie genauso weiter, freue mich schon auf die nächsten Beiträge