Fernando Zobel – L’Astratto etereo

Fernando Zobel – L’Astratto etereo

dialogo

Fernando Zobel – Dialogo

 

Fernando Zobel de Ayala y Montojo (1924 – 1984) fu pittore spagnolo in continuo viaggio tra le Filippine dove nacque, l’Europa, l’America.

 

15284076_1241281295928182_5740621994113682733_n

Fernando Zobel

 

Uomo d’affari, mecenate, ebbe i primi insegnamenti in campo artistico dal pittore filippino  Fernando Amorsolo y Cueto (1892 – 1972), uno fra i più illustri del suo paese.

 

15241964_1241280902594888_6002481692720792835_n

Fernando Zobel

 

Il suo girovagare lo portò infine ad Harvard dove si laureò in Storia e letteratura.

 

15283941_1241281212594857_4754986992393717524_n

Fernando Zobel

 

Parallelamente continuò a coltivare il suo interesse per la pittura che prese una piega astratta al momento che si invaghì dei quadri di  Marck Rothko (1903-1970).

 

15319275_1241282325928079_6734552268647161582_n

Fernando Zobel

 

Inizialmente intraprese uno studio sulla linea, cercando attrezzature adatte alla rappresentazione, fino ad usare siringhe ripiene di vernice da cui le linee dovevano fluire sulla tela in una concretizzazione del concetto della loro creazione materica. In seguito la sua produzione si distinse per varie serie di opere realizzate in base a diversi concetti e tecniche.

 

serie-in-blackk

Fernando Zobel – In Black

 

Nel 1954 iniziò la serie chiamata “Serie Negra” o “Serie in Black” , dove si ispirava alla calligrafia cinese.

 

serie-in-black

Fernando Zobel – In Black

 

dialogoo

Fernando Zobel -Dialogo

 

Quattro anni dopo iniziò la serie dei “Dialogos”, reinterpretazioni astratte di quadri famosi, poi dette vita alla serie “Las Orillas” ispirata ai fiumi.

 

orillaaa

Fernando Zobel – Orilla

 

Nel 1983 fu insignito dal re di Spagna della Medalla de Oro al Merito en las Bellas Artes. Morì a Roma.

 

orillaa

Fernando Zobel – Orilla

 

Zobel si caratterizza per essere un artista dal gusto delicato, la capacità di spandere tonalità finemente modulate ed accostarle a taglienti lienee improvvise, per la continua ricerca dell’illusione prospettica data in assenza di figurazione, dall’inganno che la bidimensionalità può suscitare nei ricreati effetti di luminescenza e ombreggiatura.

 

15267778_1241280065928305_558738176722728369_n

Fernando Zobel

 

Maestro nel catturare affascinanti accostamenti segnici, riusciva ad unire nella stessa opera la morbidezza data dall’acquerello con ruvide, a volte geometriche costruzioni arrivando a creare figurazioni sempre nuove in quel difficile campo denominato Astrazione, forse il più complesso, fra le tante ramificazioni dell’Arte, forse uno dei più sfruttati da molti, spesso con risultati scadenti.

907ALDEASA- 056.

Fernando Zobel – Dialogo

 

 

 

 

 

 

I commenti sono chiusi.