Gaetano Previati – Gli Ostaggi Di Crema – 1879

Gaetano Previati – Gli Ostaggi Di Crema – 1879

Gaetano Previati – Gli Ostaggi Di Crema – 1879

 

Gli ostaggi di Crema” è un  quadro fortemente drammatico, Gaertano Previati (1852-1920) si presentò con questo al grande pubblico nel 1879, vincendo il concorso indetto dall’Accademia di Brera di Milano.

Profeta del Divisionismo assieme a Pelizza da Volpedo e Giovanni Segantini, Previati non abbandonò più questa tecnica fatta di linee che formano le figure e compongono i colori e se ne servì per i vari soggetti che nel tempo rappresentò, siano stati sacri, surreali, realisti, storici, ma prima di questo, la sua pittura si nutrì dei fermenti destrutturanti della Scapigliatura.

 

Gaetano Previati – Madonna Dei Gigli – 1893

 

Infatti “Gli ostaggi Di Crema” non mostra assolutamente la benché minima fascinazione verso il Divisionismo o il suo parente stretto, il Puntillismo. La tecnica impiegata mostra impasti selvaggi e grumi di colore, materie diverse messe a testimoniare uno stile post impressionista che si era totalmente distaccato dall’accademia e da qualsiasi altro modello costruito a priori.

 

Gaetano Previati – il Carro del Sole – 1900

 

La scena è drammatica come lo è del resto il racconto dell’assedio di Crema. Nel 1159 Federico Barbarossa assediò incessantemente la città di Crema, ma i feroci attacchi furono sempre respinti dai Cremaschi che dalle mura gettavano olio e fiamme sui macchinari da guerra. Barbarossa esasperato decise allora di far legare gli ostaggi caduti nelle loro mani sui macchinari in modo da scoraggiare l’attacco da parte degli assediati mentre raggiungevano le mura ma, non aveva fatto i conti con i Cremaschi prigionieri che anche se certi di una loro fine, invece di gridare per la loro salvezza incitavano i propri concittadini all’attacco.

 

Gaetano Previati – Il Sogno – 1912

 

L’assedio durò circa due anni e alla fine Crema cedette dopo sanguinosissimi scontri, indebolita dall’imprevedibile e mai spiegato tradimento dell’ingegnere che fino a poco prima aveva costruito le macchine da guerra dei Cremaschi.

Le membra legate dei prigionieri di cui si conosce ancora oggi i nomi, (alcuni sopravvissero) le espressioni strazianti, e il martirio dei corpi sono resi in maniera spettacolare nel quadro di Previati. Le tenebre che avvolgono le figure pallide e macilente sono risaltate dalla luce malsana che si irradia giallognola. Padrona della scena è lo sfinimento, la disumana condizione di predestinati al supplizio.

 

Gaetano Previati – Maternità

 

E’ senza dubbio interessante notare come la condizione di staticità delle figure contrasta con l’andamento del colore, rotto da macchie distruttive trasversali, in modo da negare la possibilità di pensare i prigionieri semplicemente legate a pali e da incoraggiare una visione di movimento di tutta la scena come del resto fu nella realtà, perché mentre i prigionieri erano legati, il carro avanzava verso le mura.

Gaetano Previati – La Danza Delle Ore – 1899

 

 

I commenti sono chiusi.