Gregor Schneider – Haus u r

Gregor Schneider – Haus u r

Rheydt 1985 - 2001, 24 constructed rooms, mixed media (8,5x18,5x22m (LxWxH)), Deutscher Pavillon, 49. Biennale Venedig, Venezia, Italy 10.06.2001 - 04.11.2001

Gregor Schneider – Haus u r, Deutscher Pavillon, 49° Biennale di Venezia – 2001

 

Sicuramente curiosa è l’opera di Gregor SchneiderHaus Ur” che anche nel variopinto panorama dell’Arte contemporanea si distingue per l’originale e sorprendente scelta del soggetto messo a fuoco e sviluppato.

Sperma, 1997

Gregor Schneider – Sperm – 1997

Gregor Schneider non è nuovo nello scovare ed elaborare elementi particolarmente curiosi, ne è prova il lavoro del 1997 quando per lui perfino lo sperma divenne oggetto da esposizione in una piccola teca di vetro.

 

Rheydt 1985 - 2001, room within a room, chipboards on a construction made of steel and wood along with posts, 2 doors, 1 window, 1 lamp, 1 radiator, grey carpet, white walls and ceiling, detached, ca. 30-50cm distance from the outer room (298x396x249 (LxWxH), S 1,5-12cm), 24 constructed rooms (8,5x18,5x22m (LxWxH)), Deutscher Pavillon, 49. Biennale Venedig, Venezia, Italy 10.06.2001 - 04.11.2001

Gregor Schneider – Haus u r, Deutscher Pavillon, 49° Biennale di Venezia – 2001

 

Ma la bizzarra mente di Schneider si è spinta oltre scatenando aspre polemiche nel 2008 quando dichiarò che voleva mostrare qualcuno mentre moriva, portarlo in una galleria “per mostrare le bellezza della morte”. Coperto di minacce, insulti, critiche esasperate e bollato come necrofilo, sadico ed altro, ha per il momento desistito da questo progetto ed ha continuato a dedicarsi a quello che nel frattempo gli è valsa la presenza al Deutscher Pavillon della Biennale di Venezia nel 2001.

Rheydt 1985 - 2001, 24 constructed rooms, mixed media (8,5x18,5x22m (LxWxH)), Deutscher Pavillon, 49. Biennale Venedig, Venezia, Italy 10.06.2001 - 04.11.2001

Gregor Schneider – Haus ur, constructed rooms, mixed media , Deutscher Pavillon, 49° Biennale di Venezia – 2001

 

La particolarità della grande maggioranza dell’opera di Schneider è caratterizzata da una predilezione per gli ambienti, le stanze, le abitazioni. Gregor Schneider ne studia le capacità espressive, le ricrea o addirittura le trasporta così come le trova in ambienti museali, elevando quelli che sono semplici vani di un appartamento a opere d’Arte.

Rheydt 1985 - 2001, 24 constructed rooms, mixed media (8,5x18,5x22m (LxWxH)), Deutscher Pavillon, 49. Biennale Venedig, Venezia, Italy 10.06.2001 - 04.11.2001

Gregor Schneider – Haus ur, constructed rooms

 

Camere, salotti, bagni, cucine, scale, cantine, soffitte,  certo particolari, capaci di suscitare in chi li visita sensazioni forti, oltre che claustrofobiche, spiazzanti, paralizzanti, terrorizzanti, spersonalizzanti.

Rheydt 1985 - 2001, 24 constructed rooms, mixed media (8,5x18,5x22m (LxWxH)), Deutscher Pavillon, 49. Biennale Venedig, Venezia, Italy 10.06.2001 - 04.11.2001

Gregor Schneider – Haus ur, constructed rooms

 

Non è il primo artista che si fa affascinare dallo studio del comportamento umano in particolari ambienti ricreati ad Arte, James Turrell con le sue strutture minimaliste e luci destabilizzanti, ne ha fatto l’oggetto di ricerca di tutta una vita. Martin Creed nel 2001 addirittura si concentrò sulla reazione che poteva dare una stanza vuota con solo una luce intermittente.

 

Rheydt 1985 - 2001, 24 constructed rooms, mixed media (8,5x18,5x22m (LxWxH)), Deutscher Pavillon, 49. Biennale Venedig, Venezia, Italy 10.06.2001 - 04.11.2001

Gregor Schneider – Haus ur, constructed rooms

 

Gregor Schneider sembra invece essere attratto da quelli che potrebbero essere semplici ambienti domestici non contaminati da artifici o esplicite dislocazioni. La sua idea è quella di riproporre quegli ambienti che a volte incontriamo in case sconosciute e che per qualche motivo, ci creano sensazioni deflagranti, emotivamente destabilizzanti.

 

Rheydt 1985 - 2001, 24 constructed rooms, mixed media (8,5x18,5x22m (LxWxH)), Deutscher Pavillon, 49. Biennale Venedig, Venezia, Italy 10.06.2001 - 04.11.2001

Gregor Schneider – Haus ur, constructed rooms

 

Ricreare in una struttura museale queste semplici stanze spesso già esistenti sembra l’uovo di colombo e forse lo è, ma chi ha visitato le sue istallazioni asserisce che ne vale la pena e che c’è una gradevole sensazione di stupore e scoperta nell’esplorarle, un po’ come la sensazione che si ha da piccoli quando ci troviamo in case sconosciute particolarmente curiose. Le finestre non si aprono, le porte cozzano tra loro, i corridoi e le scale possono portare al nulla, appunto come nelle strutture delle vecchie case dove ristrutturazioni su ristrutturazioni fatte alla buona, hanno portato a risultati discutibili, con tubazioni interrotte, muri fatiscenti, divisori, grate inspiegabili dalla logica.

 

Rheydt 1985 - 2001, 24 constructed rooms, mixed media (8,5x18,5x22m (LxWxH)), Deutscher Pavillon, 49. Biennale Venedig, Venezia, Italy 10.06.2001 - 04.11.2001

Gregor Schneider – Haus ur, constructed rooms

 

Tanta è la possibilità di trovarci in ambienti angusti e ostili che nella sua istallazione “End Gregor Schneider volle far firmare una liberatoria ad ogni visitatore per avvertirlo della sua non responsabilità in caso di cadute o danni personali.

 

Rheydt 1985 - 2001, 24 constructed rooms, mixed media (8,5x18,5x22m (LxWxH)), Deutscher Pavillon, 49. Biennale Venedig, Venezia, Italy 10.06.2001 - 04.11.2001

Gregor Schneider – Haus ur, constructed rooms

 

Si potrebbe facilmente affermare che visitare una mostra delle stanze di Gregor Schneider è utile quanto una visita nella soffitta o nella cantina della casa di campagna della nonna e forse non ci discosteremmo di molto dalla realtà, ma forse non tutti hanno una nonna con casa in campagna e quindi per questi, le sue copiate e rudimentali strutture abitative potrebbero essere veramente di un certo interesse.

L’Arte? Cerchiamola altrove.

 

 

I commenti sono chiusi.