Iperrealismo – Eloy Morales

Iperrealismo – Eloy Morales

021

Eloy Morales – Autoritratto – olio su tela

Personalmente non amo molto la pittura iperrealista, la trovo sopravvalutata anche se ammetto che è d’effetto e un grande esercizio di tecnica. Ma come si può inserirla nelle grandi correnti artistiche quando per l’enunciato stesso della sua definizione è la contraddizione del concetto di Arte?

Cos’è l’Arte? Non è forse l’espressione dell’essere umano? Non solo la rappresentazione del mondo che ci circonda ma il suo essere filtrato dalla mente umana, dall’emozione, dalla capacità di esaltare, disprezzare, analizzare soggettivamente ciò che viene rappresentato?

La massima espressione della pittura iperrealista è esattamente l’opposto. Il concetto di Iperrealismo implica la spersonalizzazione della pittura che solo scevra da ogni connotazione soggettiva, emozionale dell’artista può manifestare l’immagine quale copia oggettiva, esatta della realtà. Quindi il più bravo pittore iperrealista è quello che in verità riesce a non mettere niente di sé nell’opera ma a rappresentarla pura, uguale ad una fotografia.

011

Eloy Morales – Autoritratto – olio su tela

Sorvolando sull’utilità di avere un quadro che richiede giorni di lavoro uguale ad una foto scattata in pochi secondi, questo stile di pittura che premia l’inespressività asettica dell’artista a favore di una oggettività di rappresentazione parafrasandolo a fotocopiatrice umana, non mi appartiene.

Detto questo, non possiamo che riempirci di meraviglia, smisurato stupore davanti alle opere di Eloy Morales, forse il più famoso e virtuoso pittore Iperrealista contemporaneo.
Spagnolo, classe 1973, pittore da sempre, ha esposto in tutto il mondo portando in giro i suoi impressionanti, giganteschi autoritratti e ritratti.
I soggetti preferiti sono volti di donne o uomini, contaminati da pittura o colature di sostanze varie.

Eloy Morales – Paint My Head – Olio su tela

La perfetta resa fotografica è così meno noiosa a causa di questa specie di mascheramento che applica sui modelli oppure su se stesso prima di immortalarsi sulla tela.
Le facce enormi impiastricciate di colori, sono riprodotte con una meticolosità ed una perizia incredibile, gli occhi sgranati tra le parti di pelle ancora linde sono decisamente comunicativi.

041

Eloy Morales – Autoritratto – olio su tela

La vera attrattiva delle opere è quel mascherare il viso, enfatizzando così lo sguardo. Ma..se la scelta del soggetto così interpretato è il vero motore emotivo dell’opera, non basta una foto?

Stupefacente è uno degli aggettivi che più lo classificano ….. Ma è Arte? L’Arte con la “A” maiuscola? E se lo è, perché l’artista ha sentito il bisogno di complicare il suo lavoro con la posa inusuale del colore sui visi senza affidarsi alla pura ritrattistica?

051

Eloy Morales al lavoro

Ha un senso dipingere un quadro così simile ad una foto da doversi avvicinare fino a pochi centimetri per controllare che non lo sia? Oppure è solo una mera esibizione di un incredibile virtuosismo pittorico?

Che cos’è l’Arte?

Come sempre ognuno darà la sua risposta.

061

Eloy Morales e un suo quadro

One thought on “Iperrealismo – Eloy Morales

  1. Certamente una grande tecnica!!!! che oggi nel grande panorama dell’ATRE MANCA (peccato!)-gli artisti anche quelli quotati non hanno, girano intorno alla pittura ,insieme a certa critica che non capisce “LA PITTURA”- secondo le idee del momento SEMBREREBBE che tutto va bene per l’uomo distratto!!!!!!!!!!!!!!!!!!tutti hanno dimenticato “L’ARTE del PASSATO”, anzi l’ARTISTA DEL PASSATO, la coscienza dell’uomo artista impegnato e calato completamente nella poesia della PITTURA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!