Jason Briggs – La scultura splatter

Jason Briggs – La scultura splatter

jason-briggs-grotesque-porcelain_designboom_001
Jason Briggs

 

Informe, amorfa, la scultura di Jason Briggs può essere definita anche così. Grottesca, ricercata visione dell’assurdo costrutto anatomico di possibili forme viventi.

 

pearl
Jason Briggs

 

Jason Briggs, è uno scultore che vive a Watertown nel Massachusetts.

 

polly
Jason Briggs

 

Le sue creazioni sfidano la logica composizione umanoide e si avventurano nella sperimentazione di involucri di esseri presumibilmente viventi informi.

 

peach-close
Jason Briggs

 

Sacchi di pelle che sembrano completarsi con imbottiture da tappezziere a fogge di poltrona si uniscono a pelurie, escrescenze carnose, anfratti, orifizi facendo presupporre l’assemblaggio di forme viventi di pelle  e carne con altri materiali, originando esseri indescrivibili.

 

blossom
Jason Briggs

 

Si potrebbero paragonare ai “Pod”, protagonisti del film “Existens” di David Cronenberg, creature di carne e sangue artificiali, da nutrire, curare, che possono morire o ammalarsi come gli esseri umani ma che sono alfine usati come joystick nel film, in chissà quale modo nella mente di Briggs.

 

blonde-cropped-close
Jason Briggs

 

Esperimenti biologici su forme di vita geneticamente alterate, materiale vivente da laboratorio usato per testare nuove cure, medicine, insomma possibili cavie decerebrate forse utili all’uomo in cerca di nuove vie verso un progresso sempre più manipolato, O.G.M di carne.

 

IMG_6393
Jason Briggs

 

Questa è la scultura di Jason Briggs. Il materiale che usa è la ceramica, la tecnica è quella classica anche se i risultati sono veramente impressionanti. Sotto la cura delle sue mani, la bianca terra cotta assume le fattezze di manufatti in pelle in alcune parti ricoperti di pelacci setolosi neri, degni di creature mostruose viste in alcuni film horror, splatter o di alieni. La fantasia di Briggs si sbizzarrisce cercando illogiche costruzioni anatomiche che possano sorprendere, perché alla fine questo è il suo scopo: sorprendere……. o schifare?

luba
Jason Briggs
Precedente Jenny Saville – Autobiografia del corpo Successivo Amanda Shelsher - La scultura Brutta