Jean Léon Gérôme – Il Neoclassicismo nel tempo degli Impressionisti

Jean Léon Gérôme Il Neoclassicismo nel tempo degli Impressionisti

800px-Jean-Léon_Gérôme_015_Carpets

Jean Léon Gérôme – Olio su tela

Cosa è possibile dire su Jean Léon Gérôme (1824/1904), pittore e scultore francese? E’ forse meglio semplicemente assaporare lo stupore e assecondarlo affinchè ci pervada, e assieme al senso di perfezione assoluta, crei in noi quella condizione di pace interiore dovuta alla contemplazione della grandezza della sua Arte.

a-roman-slave-market-by-jean-lc3a9on-gc3a9rome

Jean Léon Gérôme – Schiava Romana Al Mercato

Jean Léon Gérôme fa parte di quella schiera di pittori non conosciuti quanto meriterebbero, i così detti Neoclassici, che portarono la pittura figurativa ai massimi livelli espressivi. Degno continuatore con Bouguereau della scuola stilistica di Jacques-Louis David, si oppose ad una nascente nuova figurazione guidata da Monet, Manet, che poi sfociò negli Impressionisti.

800px-Jean-Léon_Gérôme_004

Jean Léon Gérôme – Olio su tela

Pietrificato nei secoli, il suo stile resta fedele a quella concezione di esaltazione della bellezza tipica della pittura classica, privilegiando soggetti orientali, storici, mitologici. Fu per questo aspramente criticato dai contemporanei che ricercavano l’innovazione, l’invenzione, la modernità a tutti i costi, quasi fosse ossigeno mancante nei cieli tersi dei quadri di Jean Léon Gérôme o nelle sue alcove, sbagliando; non certo perché innovare è un errore, ma perché l’avanzare del perfezionamento della materia pittorica, poteva portare a risultati ancora molto interessanti anche in una pittura classica.

800px-Jean-Léon_Gérôme_009

Jean Léon Gérôme – Olio su tela

Dal suo viaggio in Egitto, tappa obbligatoria per un pittore attratto da determinati soggetti, Jean Léon Gérôme riportò numerosi ricordi su tele di una maestria eccezionale.

 

1024px-Jean-Léon_Gérôme_003

Jean Léon Gérôme – Olio su tela

Se i soggetti ricordano Ingres, la sua pittura se ne distacca, sia nella composizione, sia nell’esecuzione, più luminosa, meticolosamente intensa nei volti e nei corpi nudi quando presenti, vero faro delle opere.

800px-Jean-Léon_Gérôme_012_Bath

Jean Léon Gérôme – Olio su tela

L’influenza di Ingres si riscontra anche nella privilegiata scelta della rappresentazione della schiena femminile. Ma in Gérôme se ne avverte maggiormente la carnalità, intrisa di una accentuata voluttuosa sensualità.

Jean-Léon_Gérôme_007

Jean Léon Gérôme – Olio su tela

Le donne di Jean Léon Gérôme si mostrano senza pudori, consce degli sguardi maschili che ne spogliano anche l’anima senza esserne troppo disturbate, nei mercati di schiave, negli harem, nei bagni, dove solo un accenno del gesto a ricoprire il volto lascia invece tutto il loro corpo scoperto a mostrare in realtà la fierezza del loro sentirsi femmine.

The_Terrace_of_the_Seraglio,_Jean-Léon_Gérôme

Troppo sensuali, troppo realistiche, troppo esplicite, furono additate come protagoniste di un’Arte che non dava spazio alle mode innovative del tempo, alle interpretazioni della femminilità proiettate verso una interiorizzazione, scomposizione, stilizzazione del nudo e fu questa una delle scuse per aizzare su di lui l’odio nascosto dei bigotti, da sempre nemici dell’Arte.

800px-Gerome_Bethseba

Jean Léon Gérôme – Olio su tela

Il talento indiscusso ne fece però un baluardo inattaccabile della pittura neoclassica e la sua fama lo portò ad essere insegnante invidiato nel 1864 all’ École Nationale Supérieure des Beaux Arts, ad essere eletto membro dell’ Istituto di Francia nel 1886 e, quando morì nel 1904, fu sepolto nel Cimitero di Montmartre a Parigi.

1024px-Gérôme_-_The_Arab_and_his_Steed

Jean Léon Gérôme – Olio su tela

I commenti sono chiusi.