La natura travolgente – William Turner

La natura travolgente – William Turner

Tempesta - turner

William Turner – Tempesta Di Neve – 1842

 

Joseph Mallord William Turner (1775-1851) fu un pittore inglese tra i più conosciuti e apprezzati della sua epoca.

 

William_TurnerFishermen

William Turner – Fishermen At Sea – 1796

 

In un tempo in cui la pittura francese spadroneggiava con l’interpretazione romantica di Delacroix, neoclassica di Ingres, realista di Gustave Courbet (1819-1877), la scultura raggiungeva le vette di una estetica atta a riscoprire una nuova classicità con Antonio Canova (1757-1822), Bertel Thorvaldsen (1770–1844, danese naturalizzato italiano) e Francesco Guardi (1712-1793) proseguiva la passione vedutista di Canaletto (1697-1768) a suo modo, anticipando il Romanticismo, William Turner si impose nel panorama europeo, quasi isolatamente tra gli inglesi, con uno stile interpretativo della natura personale e che in breve dette spunto ad una nuova tappa evolutiva nel cammino della pittura di tutti i tempi.

 

Turner-The-Slave-Ship

Williams Turner – The Slave Ship – 1840

 

Le nature irruenti, i paesaggi trasformati da un turbine irrequieto di ondate di materico sentimento pittorico, fecero breccia nel cuore degli artisti d’oltralpe che si apprestavano alla rivoluzione impressionista. Turner non descriveva la natura ma i suoi aspetti più impetuosi e sconvolgenti. Nelle sue opere, i rossi, si mischiano nel cielo a verdi freddi, creando contrasti cromatici ma anche interiori, generatrici di forze sorprendentemente attraenti. La natura si trasforma sotto la sua percezione carica di forza emotiva, somatizzando battaglie personali introspettive nei venti e nelle tempeste, nelle eruzioni di vulcani notturne, nella straripante vena energetica che Turner riusciva a trasportare nelle sue opere. Sono molte le tele in cui il rosso, l’arancio, il giallo incendiano l’atmosfera, enfatizzando i soggetti, descrivendo sciagure, dandone una tragica, possente visione.

 

Turner – L’eruzione delle Souffrier Mountains nell’isola di San Vincenzo a mezzanotte, 1815

William Turner – L’eruzione Delle Souffrier Mountains Nell’Isola Di San Vincenzo – 1815

 

Una tale potenza descrittiva non poteva sfuggire al fervore creativo europeo, sempre in cerca di ispirazioni e spinte verso possibilità pittoriche innovative. Tra gli Impressionisti, il più attento degli stimatori di Turner fu Claude Monet (1840-1926).

 

2ffb15bfd93c650479a4295e9f277731

William Turner – Incendio Del Parlamento – 1835

 

Turner ne anticipa la pennellata travolgente , improvvisa, libera da costruzioni naturalistiche oggettive, simbolo di rottura definitiva col Classicismo, che sembra già essere troppo irruenta anche per gli Impressionisti. E’ un precursore della colorazione innaturale, emotiva e la passione per la pittura della natura, l’attrazione verso il paesaggio inteso come canovaccio da interpretare attraverso l’esaltazione delle proprie passioni.

 

La-valorosa-Temeraire-The-Fighting-Temeraire-dipinto-di-William-Turner-1838-1839-National-Gallery-di-Londra

William Turner – La Favolosa Temeraria – 1839

 

Nella sua pittura si è intravisto tra l’altro il primo gemito del Futurismo, sia nei soggetti (i battelli a vapore, le locomotive), sia nello stile, movimentato, teso a rappresentare il divenire dell’oggetto all’interno dell’azione nel contesto naturale.

 

William Tuner, Pioggia, vapore e velocità1844

William Tuner – Pioggia, vapore e velocità – 1844

 

Già egregio acquarellista, si dedicò alla pittura ad olio studiandone le possibilità, cercando sempre di ottenere effetti innovativi volti ad enfatizzare la natura in movimento.

Turner, altra pietra miliare della storia dell’arte.

I commenti sono chiusi.