L’Arte Vichinga – La Nave Di Oseberg

L’Arte Vichinga – La Nave Di Oseberg

800px-Vikingshipkils

Nave Di Oseberg – Scafo

Può un oggetto di uso comune essere un’opera d’Arte? Certamente sì. Allora questa è Arte.

“La Nave Di Oseberg” è un vascello vichingo rinvenuto presso Vestfold, vicino ad Oslo in Norvegia.

osebergwerewr

Nave Di Oseberg

Perfettamente conservata, è un esempio di “Drakkar”, la tipica nave che i vichinghi usavano nelle loro scorribande lungo le coste o nella ricerca di popoli da depredare in terre lontane, il termine i-viking ha infatti il significato di “saccheggio”.

Detail_Oseberg_ship

Nave Di Oseberg – Particolare, decorazione della chiglia

Il suo valore esula dal contesto storico in cui viene collocata: la bellezza della forma, l’imponenza, la complessa trama della chiglia, la notevole curvatura che le assi assumono nel formare lo scafo è sicuramente funzionale ma anche adatta ad esaltare una certa qualità estetica che va oltre il valore dell’essere testimonianza storica.

oseberg-ship-in-the-viking-museum-oslo

Nave Di Oseberg – Prua

Al di là dello scopo cui doveva adempiere, “La Nave di Oseberg” è un oggetto sicuramente affascinate, finemente lavorato da carpentieri esperti ed ha nella silhouette particolarmente aggraziata un’eleganza apprezzabile da ogni prospettiva.

3981574561_cb87f15691_z

Nave Di Oseberg – Poppa

La cura dei dettagli, la particolare predilezione ad impreziosire l’imbarcazione è evidente nelle decorazioni zoomorfe intagliate, tipiche della simbologia nordica usata all’epoca e cesellate nella poppa e nella prua, complicatissime nel disegno. Il loro scopo era sia quello di spaventare i nemici facendo assumere all’imbarcazione la forma di serpente marino, sia di proteggere dai mostri mitologici.

3233313904_c20254d457

Nave Di Oseberg – Particolare, decorazione della poppa

Velocissime, dal ventre quasi piatto, dotate di remi e di vela, le navi vichinghe erano perfette per navigare anche in acque poco profonde come quelle delle coste o dei fiumi. La forma stretta e slanciata era progettata per le manovre veloci che potevano occorrere in battaglia o in repentini sbarchi.
Il Drakkar di Oseberg è particolarmente ben conservato perché è stato rinvenuto in un tumulo funerario presso Tønsberg , al riparo dalle insidie dello scorrere del tempo e dalle intemperie.

i-4affa6271e7e366d46ae2334cddf38f4-oseberg_400_1174655333

Nave Di Oseberg – Foto del ritrovamento nel 1904

Gli archeologi Gabriel Gustafson e Haakon Shetelig lo scoprirono nel 1904, assieme a molti oggetti e monili. Si pensa sia stato trasportato in loco nell’834, anche se alcune parti risultano essere più recenti e la data del reperto è sicuramente antecedente, fu infatti usato in mare aperto per molto tempo prima di far parte del corredo funebre.

Oseberg_longship

Nave Di Oseberg – Museo delle Navi Vichinghe, Oslo

Classificato come una tra le più importanti testimonianze dell’era vichinga, è conservato al Museo Delle Navi Vichinghe di Oslo.

IMG_6499-e1377062016625

Nave Di Oseberg – Particolare, decorazioni di poppa

 

La nave fu costruita in legno di quercia, è lunga 21 metri, larga 5 e si pensa dovesse montare un albero alto 9 o 10 metri dove gonfia, svettava una vela quadrata. Oltre al vento, poteva usare come propulsione una doppia fila di 15 remi.

oseberg8

Nave Di Oseberg – Particolare, decorazione interna

Gli oggetti e i due scheletri di donna trovati nel tumolo, fanno pensare che fosse la tomba di un personaggio di alto rango.

83b7789323-animal_head_post1322439255021

Testa zoomorfa – Museo delle Navi Vichinghe, Oslo

Wagon2

Carro a quattro ruote – Museo delle Navi Vicinghe, Oslo

 

 

 

 

 

 

6395443755_1baf51d48c_b

Calzatura vichinga – Museo delle Navi Vichinghe, Oslo

609021-Oseberg-chest-0

Baule vichingo – Museo delle Navi Vichinghe, Oslo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Si è azzardata l’ipotesi che le due donne, una di circa 60, l’altra di circa 30 anni, potessero essere la regina Åsa della dinastia Yngling, moglie di Gudrød il Cacciatore, madre di Halfdan il Nero e nonna di Harald, il primo re di Norvegia, oppure che le due salme fossero state sacerdotesse.

270813015354-thumbnail_DSC01429

Slitta vichinga – Museo delle Navi Vichinghe, Oslo

E’ certo che il corredo rinvenuto è notevole, nonostante la tomba fu sicuramente saccheggiata nell’antichità, depredata dei metalli preziosi, assieme alla nave sono stati trovati i resti di 14 cavalli, un bue, 3 cani, 4 slitte e l’unico carro a 4 ruote vichingo, finemente intarsiato, giunto fino a noi.

imagesfewrwer

Simbolo Valknut

La particolare attenzione rivolta alla personalità sepolta, è rivelata infine anche dal simbolo rinvenuto, il “valknut” con il quale, non solo si voleva proteggere l’anima del morto, ma anche indicare i valorosi guerrieri di battaglie memorabili, destinati ad essere accolti nel paradiso vichingo, il mitico “Valalla”.

Oseberg

Nave Di Oseberg – Prua

Chi sia stato il destinatario di tante attenzioni nel momento del suo trapasso non è dato sapere per certo, è ovvio che però fu un guerriero o un capo, un personaggio degno di grandissima stima e onore. Fu sicuramente un uomo che meritava di attraversare le scure onde del mare dei morti su un vascello bellissimo, degno di un principe, creato da esperti artigiani che riuscirono a far confluire la qualità strutturale, obbligata dalle leggi della fisica, in una forma ispirata, che poi la sapiente Arte degli intagliatori ha rifinito fino ad innalzarla da strumento di trasporto, ad oggetto degno di ammirazione per il semplice fatto di esistere.

Oseberg-Viking-ship

Nave Di Oseberg – Poppa

I commenti sono chiusi.