Lorenzo Quinn – Lorenzo Quinn Support – 2017

Lorenzo Quinn – Lorenzo Quinn Support – 2017

Lorenzo Quinn – Lorenzo Quinn Support – 2017

 

L’undici Maggio, in occasione della Biennale di Venezia 2017, la città lagunare ha visto debordare dai padiglioni ancora in preparazione, le opere esposte. L’istallazione che si è fatta faticosamente spazio tra i canali con l’ausilio di una pesante chiatta, sembra infatti voler essere l’avamposto rappresentativo del bisogno ormai inevitabile di una contaminazione dell’area urbana a mio parere interessante,  a cui quindi sarebbe auspicabile uno sviluppo.

 

Lorenzo Quinn – Lorenzo Quinn Support – 2017

 

Lorenzo Quinn Support” è il titolo emblematico dell’opera appunto di Lorenzo Quinn, artista classe 1966 i cui natali si perdono nella leggenda del famoso attore Antony Quinn e della sua seconda moglie romana Jolanda Addolori.

 

Lorenzo Quinn – Force Of Nature

 

Cresciuto tra l’Italia, New York, la Spagna, Lorenzo è stato prima attore e poi si è diretto verso la scultura. Vanta opere nelle piazze di vari continenti, lavora materiali duri come il bronzo, l’alluminio, predilige le leghe e i metalli. La sua scultura d’impostazione classica, aumenta la vena surrealista cercando di proiettare la silhouette dei corpi umani in pose e composizioni eleganti, non particolarmente innovative ma tese ad evocare una qualità estetica che possa essere esaltata dai brillanti materiali impiegati. E’ attratto dallo studio dell’equilibrio di pesanti strutture metalliche distribuito in modo da sembrare una sfida gravitazionale. Si avverte l’influenza di Salvador Dalì ma non la sua prerogativa di rompere le anatomie, Quinn tende ad esaltarle con uno stile raffinato che lo ha portato naturalmente anche al design di gioielli.

 

Lorenzo Quinn – In Perspective, alluminio

 

Le mani sono un particolare che ha spesso rappresentato, gigantesche, evocative, comprensive di oggetti che ne sottolineano la funzione.

 

Lorenzo Quinn – In Perspective, bronzo

 

Nel 2013 è stata istallata “La Dolce Vita“ a Londra, una grande manona  in alluminio che sembra giocare con una vera e propria Vespa. Nel 2011 invece “Vroom Vroom” fu istallata ad Abu Dhabi, un gigantesco avambraccio in alluminio che sembra giocare con una vera 500 Fiat. Altra interessante posa scultorea di quel particolare anatomico più volte realizzata in vari materiali è “In Perspective” del 2013 alta circa 1,60 cm.

 

Lorenzo Quinn – La Dolce Vita

 

Lorenzo Quinn Support” è stata ancora prima della sua inaugurazione uno spettacolo per la laguna, composta di due gigantesche mani dell’altezza di 8-9 metri, ha entusiasmato già i turisti e i curiosi lungo il suo tragitto fino a destinazione. L’idea è da reputarsi interessante, le gigantesche manone che paiono sorreggere l’Hotel Ca’Sagredo, piantato come il resto degli edifici veneziani in mezzo al canale, sembrerebbero in effetti provvidenziali, perché è un dato di fatto che i palazzi sbucati dalle acque sembrano veramente stare lì per miracolo ed averne bisogno. Sappiamo che non è così, Venezia e i suoi umidi ma incredibilmente solidi palazzi non ne hanno bisogno, ma è piacevole pensare che il palazzo sede dell’Hotel prescelto si possa rilassare per il momento sotto la confortevole presa delle due manone bianche.

 

Lorenzo Quinn – Vroom Vroom

 

L’effetto è pregevole e non è certo escluso che presto venga imitato in altri luoghi o palazzi, rendendo partecipe anche quei posti della laguna in cui l’Arte di solito non arriva nemmeno nel periodo della Biennale.

E’ certo che l’Hotel in questione avrà da questa istallazione e dalla mostra che ospita una grande pubblicità.

Al suo interno infatti fino a Novembre inoltrato ci saranno altre opere di Quinn.

Lorenzo Quinn – Love

 

Precedente Silvio Vincenzo Fiorenzo, non chiamatela Pop Art Successivo Giulio Aristide Sartorio – Fregio Della Camera Dei Deputati - 1912