I meravigliosi paesaggi di Lars Hertervig

I meravigliosi paesaggi di Lars Hertervig

Lars Hertervig – Borgøy Island – 1867

 

La sorte del pittore Lars Hertervig (1830 – 1902) ci ricorda quella di Van Gogh, di Modigliani, quella mitica dell’artista maledetto, disprezzato dal mercato in vita, dall’esistenza  travagliata, infine osannato dopo la morte.

 

Lars Hertervig – Moonlight

 

 Lars Hertervig ha per questo motivo e per la virtuosità dimostrata nelle sue opere una grande fama in Norvegia.  E’ invece immeritatamente semisconosciuto ai più in Europa, anche se studiò all’accademia di Düsseldorf in Germania.

 

Lars Hertervig – Coastal Landscape – 1855

 

E’ proprio lì che sembra ci sia stato un avvenimento che turbò la sua ancora giovane mente. Figlio di poverissimi contadini di Borgøy, il giovane Lars non si trovò a suo agio in Accademia e l’abbandonò al secondo anno, sembra per incompatibilità con i compagni di studi.

 

Lars Hertervig – Sommerlandskap I Tordenvær – 1856

 

Profondamente segnato da questo avvenimento, tornò in Norvegia nel 1855 ma le sue condizioni psichiche si aggravarono e fu ricoverato nell’ospedale psichiatrico di Gaustad. Hertervig iniziò a scontrarsi con un’esistenza che faticava a trovare la sua strada, privo di mezzi economici, dipingeva anche su tele di fortuna quadri bellissimi, fantasiosi, avveniristici, che però non venivano apprezzati per quello che meritavano.

 

Lars Hertervig – Skogtjern (Forest Lake) – 1865

 

Fu paesaggista, stupendo descrittore della natura scandinava con le sue valli e i suoi fiordi incantati. E proprio il lato immaginifico e onirico della pittura di Lars, venne fuori in quegli anni, non esprimendosi in un surrealismo irrazionale ma in impressionanti visioni paradisiache, a metà tra la rappresentazione naturalistica e la fantascienza.

 

Lars Hertervig – Old Pine Trees – 1865

 

Per noi che non abbiamo visto i luoghi ritratti da Lars e possiamo solo guardare le sue tele, resta il dubbio se quei posti abbiano veramente la magia descritta dal pittore norvegese o se invece è stato lui a renderli tali con la sua immaginazione, con la sua bravura.

 

Lars Hertervig

 

Nei boschi, nelle scogliere, nelle riviere di Hertervig , sembra infatti esserci sempre qualcosa di impossibile, di spiazzante, al confine fra la realtà e il sogno. Nuvole dalle forme improbabili dipinte con grande realismo, sconfinano talvolta nel mare rendendo l’atmosfera e il paesaggio sospeso nel nulla, portandoci a dubitare se sia immerso nella nebbia o in un incantesimo sconosciuto.

 

Lars Hertervig

 

I monti prendono vita, gli alberi assumono forme antropomorfe, ma è soprattutto la luce creata da Lars che rende unico ogni luogo dipinto. Con colori tenui riesce a creare atmosfere cupe, oppure brillanti di raggianti nuvoloni, ma per lui è possibile anche arrivare all’assurdo di mischiare tutte e due gli stati nella stessa opera. Una continua scoperta, un continuo divenire che sembra impossibile possa essere rappresentato da un semplice paesaggio.

Lars Hertervig
Precedente Claude Monet – Dalle Ninfee verso l'Astrazione Successivo Jean-Louis André Théodore Gericault – La Zattera Della Medusa - 1819