Nicola Samorì – 56° Biennale di Venezia

Nicola Samorì – 56° Biennale di Venezia

ilpuntoacerbo
Nicola Samorì – Il Punto Acerbo

Nicola Samorì, artista classe ’77 nato a Forlì, è certo un virtuoso del pennello. Alla 56’ Biennale di Venezia espone alcune sue opere che non lasciano dubbi.

La fascinazione che evidentemente lo prende e lo trasporta nel suo mondo pittorico causale delle sue opere, è dovuta certamente all’amore per l’Arte classica. Samorì parte da questa, dalla figura, dalla pittura cinquecentesca fatta di velature e di trasparenze, di membra dipinte nella penombra con finezza e destrezza per poi arrivare a contestualizzarle in modo anche dispregiativo nel contemporaneo.

Senza titolo-1 copia
Nicola Samorì

Si avverte la voglia di distruzione nelle sue bellissime tele che riprendono il gusto di un Tintoretto, di un Tiziano ultima maniera, certo non arrivando alla loro grandezza ma riescono comunque a non sfigurare.

untitled
Nicola Samorì – Untitled

Ma la spinta distruttiva è inevitabilmente protagonista, come se dopo essere arrivato a riuscire a rappresentare parte dei suoi miti pittorici, volesse umiliarli mutilando le tele prova di tanto traguardo.

Samorì-biennale-arte-2015-padiglione-italia-620x388
Nicola Samorì – Lienzo

Samorì, con un gusto sadico, le accartoccia, lasciando alla vista quel tanto che basta per deliziare lo spettatore con brani di ottima pittura per poi negargli la visione completa dell’opera, si lascia invece vincere dall’ansia creativa contemporanea che ci impone di contestualizzare nel nuovo millennio il nostro prodotto artistico.

il cavacarne
Nicola Samorì – Il Cavacarne

Si scoprono così accostamenti impensabili tra la pittoricità finissima cinquecentesca e la matericità di un Burri, lo spazialismo che va oltre la materia e la tela di un Fontana e accenni Dada. Le opere corrotte dal contemporaneo, mostrano i segni di un percorso di unione tra l’epoca rinascimentale e quella moderna, tralasciando invence tutto ciò che c’è in mezzo.

untitleddd
Nicola Samorì – Untitled

Artista sicuramente interessante, uno di quelli che lascia in sospeso la possibilità di assaporare le sue opere, uno di quelli che mantiene intatto il suo mistero, donando se stesso senza svelarsi mai a pieno.

Samori_Lienzo_2014_70x200x73cm
Nicola Samorì – Lienzo
Precedente Heartbeat - Charles Petillon - 2015 Successivo John Lopez, South Dakota sculptor