Oltre l’Iperrealismo – Andrea Martinelli

Oltre l’Iperrealismo – Andrea Martinelli

andrea_martinelli_expo
Andrea Martinelli – L’Uomo Delle Ombre – 2005

Andrea Martinelli nasce a Prato nel 1965.

Si diploma all’Istituto d’Arte di Porta Romana di Firenze nel 1988.

Si impone al grosso pubblico per i suoi ritratti di grosso formato (in media 100x150cm).

chuck close -robert1973-sintetic Robert104,072  Chuck Close  Synthetic polymer paint and ink with graphite on gessoed canvas, 1973
Chuck Close – Robert – 1973

Andrea Martinelli percorre la via aperta dai “Fotorealisti” statunitensi, come Chuck Close che già nel 1973 si esibiva in virtuosismi pittorici riproducendo su scala gigante foto di volti in ogni minimo dettaglio, inizialmente in variazioni tonali di un unico colore, poi riproducendo fedelmente anche la ricetta cromatica, dando vita a fototessere enormi.

be26ffa3a53a23c17f20d5de8ef08190
Chuck Close – Panting

I “Fotorealisti” come anche Ralph Goings già nel 1978, si cimentavano in pitture di oggetti, nature morte o visioni metropolitane con una fedeltà alla fotografia assoluta.

Ralph_Goings_flowered table1978
Ralph Goings – 1978

L’evoluzione della tecnica fotografica, la maggior precisione nella messa a fuoco e nella resa dei dettagli dovuta agli apparecchi digitali, è stata fondamentale ausilio agli artisti seguaci di questo stile. In seguito, un ulteriore passo avanti è stato fatto fino ad arrivare al moderno “Iperrealismo” dove alla perfezione fotografica si è aggiunto un maggior splendore del modello di partenza, ovvero la foto è spesso ritoccata nei colori e nelle luci su computer per mezzo di attuali programmi di grafica e dopo riprodotta manualmente con la pittura.

Senza titolo-21 copia.jpgsdfgdfgdfg
Luciano Ventrone, iperrealista – Ricami – 2011

Ha ancora senso riprodurre fedelmente una foto?

La risposta di Andrea Martinelli è no.

439562d37a716_big
Andrea Martinelli – Terza Dimensione – 2003

Martinelli si distacca dagli Iperrealisti e dai Fotorealisti, mantenendo di questi solo il grosso formato.

art_2889_XL
Andrea Martinelli – Il Volto Del Grande Nonno – 2005

La sua pittura è infatti dettagliata, perfetta ricercata in ogni minima piega della pelle ma va oltre la visione fotografica esprimendo il bisogno di imporre la propria interpretazione pittorica emotiva a discapito della ineccepibile copia.

blog-2007-07-19-00-02-00-1406110028080

Indagatore dell’animo umano, psicologo dell’icona, Martinelli dipinge espressioni caratterizzanti, sguardi comunicativi scavando nei lineamenti per dare maggior forza emotiva.

43956407b91c3_big
Andrea Martinelli – Gino – 2004

C’è sempre un messaggio negli occhi dei soggetti di Martinelli, scontrosi, sorpresi, crucciati, scostanti, sorretti da una interessante tecnica e una coloristica che lo caratterizzano. Martinelli impone la sua personale visione dei volti ricoprendoli dell’anima di chi li possiede, come se non dipingesse la visibile pelle ma, come un guanto rigirato, ne mostrasse il contenuto emozionale.

Voltoombra-1406110028490
Andrea Martinelli – Volto-Ombra2 (La Betta) – 2005

Oltre la nozione Iperrealista, fonde l’attenzione per il grande formato e il bisogno maniacale del perfetto dettaglio con una concezione emotiva dell’Arte, unisce un importante espressionismo cromatico con la volontà di affermare la contaminazione emotiva e rivendica la necessità di mostrarsi in una interpretazione personale che vada oltre la semplice, virtuosa copia della realtà.

6
Andrea Martinelli – L’Urlo Del Filosofo – 2004

Martinelli ribadisce nelle sue tele, l’unicità dell’azione artistica, la riconoscibile lettura individuale del soggetto quale espressione caratterizzante dell’opera d’Arte.

Precedente Adrian Gray, the Art of Stonebalancing Successivo Persephone C, la Donna Carota - Luigi Serafini

One thought on “Oltre l’Iperrealismo – Andrea Martinelli

I commenti sono chiusi.