Rogan Brown, oltre l’origami

Rogan Brown, oltre l’origami

Rogan Brown – Magic Circle – 2015

Rogan Brown è un giovane artista di Londra che è riuscito a fondere la scoperta di una personale e difficilissima tecnica con un’altrettanta originale capacità di individuare soggetti rappresentabili.

Rogan Brown – Flotsam

Rogan Brown usa la carta, semplici, sottili fogli che sovrappone fino a raggiungere una consistenza apprezzabile di matericità e spessore.

Rogan Brown – Cut Stem – 2014

Si potrebbe pensare all’antica tecnica dell’origami osservando distrattamente le sue creazioni, ma in realtà Brown conserva della disciplina giapponese solo l’uso dello stesso materiale.

Rogan Brown – Cell Cloud – 2015

Brown con pazienza infinita ritaglia foglio dopo foglio, servendosi spesso di macchinari al laser che possono essere precisi nell’infinitesimo dettaglio, poi attraverso la sovrapposizione riesce ad ottenere  strutture in altorilievo effettivamente particolari.

Rogan Brown – Cut Micrbe – 2015

I soggetti che preferisce sono ripresi da studi di biologia: batteri, microbi, forme di vita unicellulari, la struttura delle cellule vegetali e animali, ma non si ferma qui. Brown parte da questi soggetti per poi dare spazio alla fantasia, reinterpretandoli e dandogli altre forme surreali che nella realtà ancora non esistono.

Rogan Brown – Controlx (dettaglio) – 2016

Questo splendido e certosino lavoro di ritaglio, raggiunge dimensioni che vanno dai 50cm al metro di lato per uno spessore che si aggira sui 10 cm.

Rogan Brown – Magic Circle Variation 7 – 2015

Inutile soffermarsi sulla spettacolarità delle opere, è evidente, ma è forse importante sottolineare che per portarle a compimento ci vuole il lavoro di alcuni mesi e per le opere più complesse, anche di quattro o cinque mesi.

Rogan Brown – Outbreak – 2014

L’impalpabilità e la fragilità della carta esaltano le articolate e leggere strutture dei soggetti che sembrano infine essere un miracoloso frutto di progettazioni geniali.

Rogan Brown – Outbreak (dettaglio) – 2014
Precedente Chris Succo, siamo tutti artisti Successivo Joel Rea – Le tigri fra i ghiacci