Ron English – New Pop

Ron English – New Pop

Ron English

 

Ron English è un artista figurativo nato a Dallas nel 1959, più o meno quando Andy Warhol si incamminava verso il successo con i suoi dipinti di Coca Cola, Zuppa Campbell’s e ritratti di divi del cinema reinterpretati a suo modo. Ron English è cresciuto con quelle immagini Pop, se ne avverte l’influenza innegabile, volutamente rintracciabile, anche se il suo stile è totalmente diverso. Stessi soggetti, stessi riferimenti, ad attori, personaggi dei fumetti intramontabili oltre a  rivisitazioni in chiave Pop di dipinti antichi e mille riferimenti al nostro contemporaneo.

 

Ron English – Osama Abramo Lincoln

 

La Pop Art americana si è evoluta come si è evoluta in tutto il mondo e anche Ron English, ha dismesso i panni dell’artista puramente Pop sullo stile di Warhol per reinterpretare questo filone artistico in chiave moderna. Se Warhol prendeva atto delle icone del suo tempo, English ci aggiunge  oltre ad uno stile pittorico più raffinato e accattivante, una forte ironia, una clamorosa critica, una notevole interpretazione personale impensabile nella Pop Art degli anni precedenti che spesso era una semplice indicatrice acritica di comportamenti e immagini consolidate nella società dei consumi.

 

Ron English

 

English non risparmia pareri politici, distrugge miti, smaschera quello che dietro la società dei consumi è nascosto. Con una tavolozza coloratissima e scintillante in puro stile U.S.A., mostra cosa è nascosto dietro la vetrina del mondo moderno, le sue nefandezze, le bassezze a cui alcuni grandi marchi fanno ricorso pur di vendere e accumulare soldi e potere nel nome del dio denaro.

 

Ron English – Reinterpretazione di “La Madre Terra” di William Adolphe Bouguereau

 

Sull’onda del “politically correct”, English non ci risparmia stereotipi del primo periodo del nuovo millennio, esaltando personaggi e affossandone altri che invece si affacciano adesso sulla scena, come Trump e Obama, il primo sbeffeggiato, il secondo onorato da una fusione con il volto di Abramo Lincoln.

 

Ron English – Murales di Trump

 

E’ evidente che in tutto quello che fa è spinto da una sana voglia di comunicare un pensiero, positivo, una voglia di lottare contro ciò che non va, ciò che è male e sembra che su questo abbia idee precise.  Non si nasconde dietro a sipari dorati, ma anzi sembra urlarlo anche nei suoi  stupendi, giganteschi graffiti, eseguiti con la perfezione tecnica che lo contraddistingue, dove le figure si stagliano come sculture tridimensionali, mezzo perfetto per arrivare a quel pubblico che difficilmente varca le soglie delle gallerie.

 

Ron English – Murales a Roma

 

Novello menestrello dei giorni nostri, cerca con il pennello e con i colori di arrivare lì dove il buon senso pare latitare, sostenuto da una tecnica notevole.

 

Ron English
Precedente Solvognen, il Carro vichingo del Sole di Trundholm Successivo Le tre vite di Guido Guidi