The sound of denmark – Arango, Herrera – 2014

si-entra-nei-corni-di-danimarca-599047
The sound of denmark – Arango, Herrera – 2014

L’approccio naturalistico-artistico delle strutture atte a ricavare energie dalle fonti rinnovabili, è molto evidente nei paesi dell’Europa settentrionale. Forse perchè le loro civiltà si sono sviluppate in condizioni climatiche particolarmente rigide, hanno da sempre avuto la necessità di sfruttare a pieno ogni fonte di energia presente in natura, sviluppando per queste una particolare attenzione. Per questo motivo è continuamente in corso uno studio sulla possibilità di sfruttare le energie rinnovabili senza trascurarne l’impatto emotivo e la possibilità di trasformare una necessità energetica in un polo attrattivo artistico.

“Lagi” è l’iniziativa che ha fornito agli architetti viennesi Laura Mesa Arango e Rafael Sanchez Herrera, la possibilità di presentare e realizzare la loro struttura sonoro-energetica, un esperimento che riunisce estetica, Arte e creazione di energia rinnovabile.

Nel porto di Copenhagen è stato costruito l’imponente complesso delle strutture realizzate in materiale riciclato, metallo e legno proveniente dalla rottamazione di navi.
Sfidando le correnti aeree danesi, è stato così eretto “The Sound Of Denmark“, un insieme di dodici corni vichinghi giganteschi raccolti a gruppi di tre a strisce bianche e rosse, sostenuti da impalcature con scale da cui si può accedere all’interno per assaporare l’esperienza unita del suono dei corni ed il vento che lo produce.

Il tutto è stato progettato affinchè il vento, passando per i corni ricurvi aumenti la velocità e azioni le turbine che sono capaci di generare circa 117mwh all’anno. L’impianto è anche dotato di fori enormi sulla parte finale in modo da generare particolari tonalità scelte in funzione di un abbinamento alfabetico-musicale per cui si vengono a produrre i suoni abbinati alle lettere SU-N , WATE-R e IC-E.

La struttura monumentale ha quindi più scopi: produce energia eolica a costo praticamente zero ininterrottamente, crea un’atmosfera sonora decisamente interessante a livello di progettazione e sicuramente un impatto acustico particolare ed è un monumento che celebra il vento, elemento con il quale da sempre i Danesi convivono e di cui hanno imparato ad apprezzare i benefici effetti fin dai tempi dei loro viaggi in mare, quando ancora venivano chiamati Vichinghi.

the-sound-of-denmark-599054
The sound of denmark – Arango, Herrera – porto di Copenhagen 2014

 

Precedente Piggyback, lo scandalo di Jake e Dinos Chapman Successivo Il passato che rivive in Igor Mitoraj