Velasco Vitali – Cemento, fango e ruggine

Velasco Vitali – Cemento, fango e ruggine

28_luglio_1990._Oil_on_canvas_202_x_420_cm_
Velasco Vitali – Paesaggio Cancellato – 1990

 

Velasco Vitali nasce a Bellano, provincia di Lecco nel 1960. La sua pittura si fa interessante quando si pone come soggetto la tragedia della Valtellina del 1987.

 

21_luglio_1990._Oil_on_canvas_161_x_201_cm
Velasco Vitali – Paesaggio Cancellato – 1990

 

“Il giorno 28 luglio 1987 l’abitato di Sant’Antonio Morignone, frazione del comune di Valdisotto, rimase sepolto sotto una vastissima frana staccatasi improvvisamente dal vicino Pizzo Coppetto”( Wikipedia).

 

Paesaggio_cancellato_1987._Mixed_media_on_canvas_100_x_119.5_cm
Velasco Vitali – Paesaggio Cancellato – 1987

 

Vitali inizia a dipingere la serie di quadri “Paesaggio Cancellato”, una incredibile descrizione della forza distruttrice dell’acqua  con una pennellata vigorosa, una tavolozza dove predominano gli azzurri, i grigi, talvolta i verde acqua. Da questa serie di quadri dove la materia pittorica si somma ad una pennellata vorticosa, passa ad interessarsi dei paesaggi urbani, le grandi città con altissimi palazzi e grattaceli.

 

18_luglio_1989._Oil_on_canvas_135.5_x_85_cm
Velasco Vitali – Paesaggio Cancellato – 1989

 

Sempre supportato da una impronta pittorica intensa e istintiva, dipinge le metropoli, le sue geometriche composizioni ancora con la percezione di un disfacimento, un inconscio senso di decadimento che Vitali si trascina dietro.

 

Catania_2001._Oil_on_canvas__160_x_210_cm__2
Velasco Vitali – Catania – 2001

 

Marsiglia, 2004. Oil on canvas, 100 x 150 cm (39.4 x 59.1 in)
Velasco Vitali – Marsiglia – 2004

 

M2, 2008. Oil on canvas, 222 x 200 cm (87.4 x 78.7 in)
Velasco Vitali – 2008

 

Strutturale, il suo segno è deciso e tagliente, colpi di spatola e pennelli si sommano a dare vita a visioni dove il cemento risplende, unico vero protagonista.

Non si può dire che il genere di pittura di Velasco sia innovativa, sono molti i pittori che da Scatizzi in poi, hanno maneggiato con sapiente maestria la spatola in descrizioni urbane o paesaggi,  ma è certo che Vitali la interpreta molto bene.

 

M10, 2008. Collage and oil on canvas, 120 x 150 cm (47.2 x 59.1 in)
Velasco Vitali – M10 – 2008

 

M9, 2008. Oil on canvas, 120 x 75 cm (47.2 x 29.5 in)
Velasco Vitali – M9 – 2008

 

SecondaRoma_2009.Oilandenameloncanvas_200x150cm
Velasco Vitali – Seconda Roma – 2009

 

Il suo stile non poteva che evolversi avvicinandosi sempre di più alla sintesi delle linee per poi tendere all’astrazione, come un novello Mondrian di cui però non completa il percorso, fermandosi ancora alla parziale visione paesaggistica interpretata questa volta con una coloristica completamente nuova, più psichedelica, dalle tonalità di verde elettrico  fino ai toni fuksia, comunque affascinante.

 

Kangbashi_2013inchiostrocollageeacrilicosutela_
Velasco Vitali – Kangbashi – 2013

 

Labirinto_2015.Oliosutela_30x40cm
Velasco Vitali – Labirinto – 2015

 

Volcano_2015.Oliosutela_95x160cm
Velasco Vitali – Volcano – 2015

 

Contemporaneamente Vitali coltiva la passione per la scultura, il metallo è l’elemento che predilige, la ruggine è il colore che adopera in modo naturale. Altri materiali con i quali interpreta i suoi soggetti preferiti sono il catrame, il bronzo, il cemento.

 

18_1
Velasco Vitali – Scultura

 

36_1
Velasco Vitali – Scultura

 

Con un mix di queste materie Vitali dà anima ai suoi cani, magri e scattanti nelle forme, a riposo, in piedi, annoiati, mentre puntano la preda o osservano come guardiani.

 

Pietrasanta,
Velasco Vitali – Sculture

 

C’è sempre un senso di particolare attenzione nel dare una qualificazione emotiva alle sue creazioni  e così i suoi cani sembrano anch’essi scampati ad una tragedia distruttiva di cui portano ancora i segni, la polvere e il fango addosso, come se facessero parte di un ricordo residuo di quello che è accaduta a un centinaio di chilometri dal suo paese ormai quasi trenta anni fa e che per primo gli dette un interessante stimolo alla creazione e lo spinse verso una fortunata carriera di artista.

 

V63646_lw
Velasco Vitali – olio su tela
Precedente Fauno Barberini (Satiro Ubriaco) – III°- I° secolo a.c. Successivo Lo “Still Life” americano