Il conteso Cimabue

Il conteso Cimabue

Cimabue – Cristo Deriso – 1280

Il “Cristo Deriso”, opera attribuita a Cimabue del 1280 circa è al momento al centro delle cronache per la sua vendita all’asta che ha fruttato 24 milioni di Euro. Oltre ad aver fatto segnare il record della cifra più alta in un’asta per un’opera medioevale, ha alle spalle una di quelle storie che sembrano uscite da un film. E’ stato infatti rinvenuto nell’abitazione di una vecchia signora francese appeso in cucina, dal curatore di una casa d’aste lì per valutarne il mobilio. Ma la sorpresa della signora francese non è l’unica ad essere presente nella storia dell’antichissimo dipinto, infatti gli acquisitori americani, si sono trovati in mano il capolavoro sborsando fior di euro ma anche l’impossibilità di portarlo in U.S.A. Il responsabile dei beni culturali francesi lo ha infatti dichiarato patrimonio nazionale e ne ha impedito l’esportazione per un mese, tempo necessario per l’acquisizione.

Cimabue – Cristo Deriso – 1280

Cimabue fu maestro prolifico del  XIII° secolo, famoso per i suoi crocifissi e pitture sacre. Nacque Cenni (Bencivieni) di Pepo a Firenze, presumibilmente nel 1240, della sua vita non si hanno molte notizie tranne quelle legate alle tante opere lasciate in giro per l’Italia. Fu protagonista di quel periodo in cui l’Arte iconica cristiana, specializzata appunto nelle quasi seriale pittura di Icone (famose quelle bizantine e russe), si stava trasformando e introduceva elementi diversificanti e personali, e in cui però ancora gli artisti,  che in precedenza non si firmavano neppure, stavano raggiungendo lo status di protagonisti dell’Arte, tutto questo giustifica le poche notizie sulle loro vite. Cimabue cercò a suo modo di introdurre una minima prospettiva anche se usò spesso la vecchia visione delle icone dei personaggi, più grandi quelli più importanti , più piccoli quelli di contorno, fino alla classica “prospettiva inversa” che rendeva più grande il Cristo in lontananza nei cieli e più piccoli gli angeli anche se vicini.

Cimabue – Cristo Deriso – 1280

Famoso è l’aneddoto che racconta il suo incontro con Giotto, nei pressi di Vespignano. Cimabue vide il bambino disegnare una pecora su una pietra così bene che volle lo seguisse nella sua bottega per insegnargli l’Arte.

Pubblicato da McArte

Michele Maioli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.