Carlo Bernardini – L’Arte della fibra ottica

Carlo Bernardini – L’Arte della fibra ottica

risultati-immagini-per-carlo-bernardini-artista
Carlo Bernardini – Installazione in fibra ottica

Lo studio della luce è una costante dell’Arte sia figurativa, sia scultorea, sia nelle istallazioni, ma anche nelle scenografie teatrali, nell’architettura e in tutto ciò che ovviamente ha a che fare con una percezione visiva. L’evoluzione tecnologica ha portato a fenomeni artistici dove la luce è diventata protagonista indiscussa, quasi sprecata nel dover forzatamente interpretare disegni più o meno interessanti, perché già da sola, anche scevra di cromie decorative ha la forza espressiva per diventare soggetto unico.

 

51-ix-triennale-di-milano
Lucio Fontana – Installazione al neon, IX° Triennale di Milano – 1951

 

Già negli anni ’50 Lucio Fontana (1899-1968)  interpretava nuove scoperte tecniche in chiave artistica dando origine alla serie di “Strutture al Neon“, oggetto allora innovativo, con forme fluttuanti che ne esaltassero l’evanescenza luminosa e nel ’51 li presentava alla IX° Triennale di Milano. Su questo percorso si inserisce la ricerca di Carlo Bernardini artista di Viterbo del 1966.

 

05_carlo_bernardini_superficie_virtuale_con_linee_di_luce-ombra_1996_pigmenti_in_polvere_acrilici_bianchi_e_fosforo_su_tavola_cm_h_70x100_in_luce_reale
Carlo Bernardini – Superficie Virtuale Con Linee Di Luce-Ombra in luce – 1996
06_carlo_bernardini_superficie_virtuale_con_linee_di_luce-ombra_1996_pigmenti_in_polvere_acrilici_bianchi_e_fosforo_su_tavola_cm_h_70x100_al_buio
Carlo Bernardini – Superficie Virtuale Con Linee Di Luce-Ombra al buio – 1996

 

Dalle prime pitture astratte degli anni ’90, Carlo passa ad uno studio sulla rifrangenza luminosa ancora ancorato alla materia pittorica, dando vita ad una serie di quadri su cui strati di velature lasciano intravedere nel buio, segni tracciati in materiale fluorescente. La dualità della lettura delle opere nelle versioni illuminata-non illuminata è il loro presupposto base esistenziale, espediente in seguito molto usato ed imitato.

 

c27013e4280d5c4873de4bf0c2718a97
Carlo Bernardini – Installazione in fibra ottica

 

Nel ’97 pubblica lo scritto “Divisione dell’unità visiva”, considerazioni sullo studio della luce, il visibile, l’invisibile, l’illusione della visibilità e la loro percezione.

1210171188b
Carlo Bernardini – Installazione in fibra ottica

Ma è nel 2000 che decolla vincendo il premio “Overseas Grantee” della Pollock Krasner Foundation di New York e ripetendosi poi nel 2005.

 

unknown-2-550x321
Carlo Bernardini – Unknow 2, installazione in fibra ottica

 

Carlo Bernardini inizia a servirsi delle fibre ottiche, fasci di luce con cui crea istallazioni minimaliste in ambienti di vario genere. L’espressione luminosa si esalta infatti in determinate circostanze, appoggiata sia dal buio ma anche da strutture architettoniche preesistenti.

 

_carlo-bernardini_catalizzatore-di-luce-2007
Carlo Bernardini – Catalizzatore Di Luce – 2007
13158_784042734982783_7654129785094604995_n
Carlo Bernardini – Installazione in fibra ottica

 

Hanno grande successo le sue installazioni in piazze, palazzi antichi, fabbriche dismesse. Di particolare interesse è il passaggio ad una contaminazione spaziale con i fasci luminosi che attraversano l’acqua per poi ricomporsi al di sopra in figure geometriche.

carlo-bernardini-submerged-breath
Carlo bernardini – Submerged Breath
bernardini_carlo_17carlo-bernardini-ghost-of-duchamp
Carlo Bernardini – Ghost Of Duchamp, installazione in fibra ottica

 

L’affascinante espediente tecnologico è usato in modi ricercati non convenzionali così da non essere fine a se stesso ma per quantificare una valenza estetica formale. Nel tempo la sua tecnica si affina inserendo elementi riflettenti, inglobando le fibre ottiche in contenitori, originando le “Light Waves” vere le proprie sculture di luce, lightbox dove l’essenza luminosa si mostra pura, unica protagonista e dove la forza generatrice è nascosta.

carlo_bernardini2
Carlo Bernardini – Light Waves – 2008

 

Da una purezza geometrica del disegno spaziale, Bernardini arriva ad ottenere una scompostezza delle linee grazie ad una maggiore padronanza del mezzo tecnico, che si aggrovigliolano perdendo la simmetria inizialmente professata per arrivare ad incurvarsi in improbabili formazioni segniche di pregevole effetto.

 

foto_01_130
Carlo Bernardini – Light Waves – 2008

 

Sempre scenografica, la sua opera non prescinde mai dal mezzo impiegato, unico vero protagonista di tutta la sua produzione.

09-carlo-bernardini-orizzonte-degli-eventi-2007-fibre-ottiche-sfere-di-legno-tribali-mt-h-2x6x5-part-como-allarmi3-
Carlo Bernardini – Orizzonte Degli Eventi, installazione in fibra ottica e sfere di legno – 2007
Precedente Federico Pietrella – Dipingere con il tempo Successivo Sarah Ciracì – L’Arte extraterrestre