Fabio Viale – Oltre i limiti del marmo

Fabio Viale – Oltre i limiti del marmo

Fabio Viale Stargate
Fabio Viale – Stargate, scultura in marmo – 2010/2011

 

Artista che sta sondando le massime possibilità di lavorazione del marmo è Fabio Viale, cuneese, classe 1975.

 

Fabio Viale - Arrivederci E Grazie, scultura in marmo
Fabio Viale – Arrivederci E Grazie, scultura in marmo

 

Sorprende con le sue idee che supportate da una capacità scultorea impressionante, divengono solide realtà.

 

46163
Fabio Viale – Scultura in marmo

 

Fabio Viale è un virtuoso della sottile lavorazione del marmo. Oltre a sculture che ricalcano i modelli classici reinterpretati in chiave moderna, magnificamente resi nell’anatomia e arricchiti di decorazioni simili a tatuaggi, è attratto dalla contrapposizione tra il pesante minerale e la possibilità di renderlo leggiadro, fluttuante, scolpendo soggetti che solitamente sono di tutt’altro materiale.

 

Fabio-Viale
Fabio Viale – Barca in marmo

 

È ancora leggenda la barca che nel 2009 ha varato nelle acque della  Neva di San Pietroburgo, la più grande di una serie. Completamente in marmo, pesa 400 kg ed è lunga 4,5 metri, è dotata di motore e ha uno scafo spesso dai 3 ai 4 cm. Perfettamente galleggiante e governabile, può solcare le acque mostrando la sua silhouette marmorea, bianca simile ad una barca fantasma, invece solida e veloce.

 

Fabio Viale Ahgalla III, 2008 marble an
Fabio Viale – Ahgalla III, barca in marmo – 2008

 

fabio-viale_presentation-yatzer_8
Fabio Viale – Scultura in marmo

 

Sfidando la normale concezione della materia, Viale scolpisce sacchetti di carta a grandezza naturale di poco più spessi di quelli veri, aereoplanini di finissimo marmo, rotoli di carta igienica, cassette che solitamente sono in plastica o legno per la frutta, perfette in ogni minimo dettaglio, che siano chiodi, venature del legno, scalfitture.

 

5
Fabio Viale – La Suprema, scultura in marmo

 

fabio-viale-marble-sculptures
Fabio Viale – Scultura in marmo

 

Viale è una continua scoperta: dalla rappresentazione dell’ impossibile leggerezza, passa alla malleabilità dei copertoni delle auto, dei trattori, delle moto, descritti nei più minuziosi dettagli tanto da poter essere scambiati per veri, accessoriati delle punte in metallo tipiche dei pneumatici da neve. Li scolpisce l’uno dentro l’altro come anelli di una catena impossibilitati ad essere slegati.  Viale va oltre la classicità della scultura e propone una reinterpretazione del filone Pop italiano anni ’60. Se Tano Festa dipingeva la “Testa di Adamo” sullo stile di Warhol, lui scolpisce la “Gioconda” ovviamente in marmo ma trasformato in polistirolo.

 

fabio-viale-mona-lisa-1_med
Fabio Viale – Mona Lisa, scultura in marmo

 

La sua capacità scultorea lascia interdetti, è evidente che è capace di scolpire di tutto, perfino due pezzi di polistirolo intersecati tra loro per rappresentare il paradosso tra ciò che è il soggetto, leggerissimo e la materia di cui lui lo compone, il solido marmo.

141
Fabio Viale – Scultura in marmo

 

Precedente Lo “Still Life” americano Successivo Antonio Possenti – Geniale ingenuità