Giovanni Antonio Boltraffio – L’allievo più dotato di Leonardo Da Vinci

Giovanni Antonio Boltraffio – L’allievo più dotato di Leonardo Da Vinci

Giovanni_Antonio_Boltraffio_-_Virgin_and_Child_with_Sts_John_the_
Boltraffio – Pala casio, Madonna Col Bambino, San Giovanni Battista E San Sebastiano – 1500

 

Sotto il nome di pittori Leonardeschi sono raggruppati quegli artisti lombardi che all’inizio del ‘500 furono seguaci, quando non proprio allievi di Leonardo Da Vinci.

Di particolare interesse è l’opera di Giovanni Antonio Boltraffio (Milano, 1467–1516), sia per la qualità che in alcuni lavori è finissima quasi al pari del suo maestro Leonardo Da Vinci, sia per le tesi che accompagnano la loro attribuzione che, appunto per la virtuosità, presenta notevoli difficoltà.

I dipinti di Boltraffio quindi per questo motivo si prestano ad essere al centro dell’attenzione dei cacciatori di enigmi artistici, spesso mostrando qualità contraddittorie nelle parti finissime assemblate con altre parti di fattura più scarsa.

Convivendo nello stesso quadro, questa alternanza di prestazione, ha dato adito a pensare che molte sue opere fossero frutto della collaborazione con Leonardo, di cui si dice però in verità che Boltraffio riuscisse ad imitare molto bene lo stile.

 

Giovanni Antonio Boltraffio studio per testa di cristo bambinoi 1490
Boltraffio – Studio Per Testa Di Cristo Bambino – 1490

 

E’ infatti dato per certo che nel 1482 Leonardo lo tenne a bottega con Marco D’Oggiono (1475-1530)e il Salai (1480-1524). Ma sono molte , troppe le opere di Boltraffio in cui una stupefacente sensibilità pittorica viene espressa per far pensare che non sia tutta farina del suo sacco. Le collaborazioni di Boltraffio si estendono anche agli altri allievi del Da Vinci ma, in questo caso, le parti non sue, si dimostrano più scadenti, come appunto lo erano gli allievi nei suoi confronti.

Boltraffio fu pittore rinascimentale tra i più virtuosi allievi di Leonardo, molto più talentuoso ad esempio del Salai nonostante che dal Da Vinci avesse la massima attenzione.

 

vergine col bambino
Boltraffio – Madonna Col Bambino (particolare) -1497

 

Cosa possiamo pensare ammirando questa splendida “Madonna Col Bambino” di Boltraffio, se non che aveva recepito benissimo le nozioni di Leonardo, se non che fosse un artista dalla mano gentile e talentuosa, il polso fermo, la capacità descrittiva perfetta che risalta splendente nei riccioli del putto.

 

Giovanni Antonio Boltraffio, 1467-1516 Portrait of a Youth Holding an Arrow, ca. 1500-10 Oil on wood panel, 49.7 x 35.4 cm
Boltraffio – Giovane con Freccia – 1500

 

Come possiamo non commuoverci davanti alla capigliatura dorata coperta di velature finissime di questo “Giovane con Freccia” del 1500, che ne fanno un capolavoro degno del miglior Leonardo, ripetuta da Boltraffio anche nel  “Giovane Con Freccia E Mano Al Cuore In Figura Di San Sebastiano”, a ribadire l’assoluto compiacimento estetico riflesso nelle sue opere, non solo frutto della vicinanza e, qualcuno afferma, degli aiuti di Leonardo.

 

Giovanni_Antonio_Boltraffio_-_Giovane con freccia e mano al cuore in figura di san Sebastiano 1469 circa olio su tela 46 x 36 cm Mosca The State Pushkin Museum of Fine _saint_Sebastian1494
Boltraffio – Giovane Con Freccia E Mano Al Cuore In Figura Di San Sebastiano

 

Si sprecano le tavole dipinte, quasi sempre di piccolo formato in cui Boltraffio mostra una finezza di esecuzione notevole anche negli incarnati come in “Ritratto Di Giovane” del  1490. Fu grande ritrattista, amava personalizzare i suoi soggetti dipingendoli nelle vesti di santi. Innegabile è a questo punto il suo talento, certo non geniale come quello di Leonardo, ma principalmente applicato alla virtuosità della descrizione pittorica, senza complesse composizioni, senza arditezze e  innovazioni stilistiche o narrative, per questo relegato tra i pittori di grande talento ma “minori” e classificato solo come ottimo artista, non come genio.

 

Giovanni_Antonio_Boltraffio_-_Ritratto_di_un_giovane_(1490s)
Boltraffio – Ritratto Di Giovane – 1490

 

Di Leonardo non aveva nemmeno la continuità del pitturare ad alto livello, né la ricerca della perfezione assoluta in ogni sua opera. Imperversano nei suoi quadri cadute di stile, incongruenze, imperfezioni,  frutto di collaborazioni con altri allievi del Leonardo meno dotati, alcune accertate come la “Pala Casio” del 1500 e la “Resurrezione Di Cristo Tra I Santi Leonardo E Lucia” del 1494 (dove è evidente un imperioso stacco di virtuosità pittorica tra i due santi e i panneggi opera del Boltraffio e il viso del Cristo dipinto da Marco D’Oggiono), altre presunte ma la realtà può essere semplicemente che Boltraffio anche nelle opere totalmente sue,  per quanto potenzialmente grande pittore, non sempre cercava l’assoluta concretizzazione  del capolavoro e dava l’impressione di accontentarsi di essere un ottimo allievo.

 

Giovanni Antonio Boltraffio e Marco d'Oggiono una pala per l'altare maggiore che fu consegnata dai due artisti nel 1494.
Boltraffio e Marco D’Oggiono – Resurrezione Di Cristo Tra I Santi Leonardo E Lucia – 1494

 

Infine, Boltraffio di cui ancora si discute la paternità di molte opere, non poteva mancare di essere al centro di un altro piccolo mistero: La copia su tavola de ”L’Ultima Cena” di Leonardo Da Vinci, attualmente conservata ad Oxford.

 

copia-ultima-cena-leonardo-di-giampietrino
Attribuito a Boltraffio – copia dell’Ultima Cena di leonardo da Vinci

 

Come sia arrivata lì è già un mistero, le tracce di compravendite, aste si perdono nei secoli, ma l’enigma su chi sia l’autore del dipinto descritto nelle cronache come “…bello quanto l’originale…”è ancora più appassionante. In principio fu ritenuto opera di Marco D’Oggiono oppure del Sanpietrino (1508-1549), ma la splendida fattura che ad alcuni ha fatto ritenere fosse opera dello stesso Leonardo, fa sì che il suo autore sia da ricercare in Boltraffio. Tesi pare confermata dal cartone detto di “Strasburgo” attribuito a Boltraffio dove è raffigurato San Giovanni.

 

201012011126_aaaa

 

Che sia lui l’autore o no, Boltraffio resta comunque un pittore finissimo, per capirlo basta pensare che quando si parla di lui, si deve per forza fare il paragone con Leonardo Da Vinci.

 

Giovanni Antonio Boltraffio madonna della rosa 1490 45x36
Boltraffio – Madonna Della Rosa – 1490
Precedente Theo Jansen – L’evoluzione dell’Arte Cinetica Successivo Irina Nakhova - Maschera Da Pilota - 2015